via Prà Bordoni 59
+39 0445-1922130
info@netmarket-srl.it

Come usare Google AdWords per la tua azienda (Guida per principianti pt.2)

Created with Sketch.

Come usare Google AdWords per la tua azienda (Guida per principianti pt.2)

Seguito di Come usare Google Adwords per principianti pt.1

Fase 4: Scegli un network

Il prossimo step è scegliere tra una rete di ricerca (Google’s Search Network) e una rete di visualizzazione (Display Network). Google’s Search Network posiziona i tuoi annunci sulla pagina Google SERPs, mentre il Display Network mostra il tuo Ad su qualsiasi sito che mostra inserzioni pubblicitarie. 

Per coloro che non hanno esperienza e per le piccole aziende, è consigliato scegliere Google’s Search Network, in quanto mostra i tuoi annunci agli utenti che stanno cercando attraverso parole chiave relative alla tua azienda. Invece, il Display Network è utile per branding, retargeting e generalmente per avere un CPC molto più basso. 

Fase 5: Scegli le tue parole chiavi 

Le parole chiavi sono i termini di ricerca o le frasi che un utente inserisce nella barra di ricerca Google quando sta conducendo una ricerca. Google permette di scegliere circa 15-20 parole chiavi che potrebbero far comparire il tuo annuncio sul SERP. Non preoccuparti, puoi sempre aggiungere altre parole chiavi più tardi.

E’ consigliato scegliere una serie di parole che ti assicurano risultati, invece di scegliere 20 parole che potrebbero sembrarti rilevanti. Inoltre, poni attenzione al volume delle ricerche delle parole chiavi che scegli. Sebbene possa sembrare allettante scegliere una parola chiave che ha un volume di ricerca di 450,000, non è detto che sia la miglior idea. 

Come menzionato precedentemente, AdWords lavora su un sistema di offerte. Le parole chiavi con un alto volume di ricerca sono spesso molto costose. Scegliere più parole chiavi o scegliere parole chiavi con un volume di ricerca alto potrebbe risultare un affare molto costoso.

Controlla sempre le tue spese scegliendo un paio di parole chiavi rilevanti con un moderato volume di ricerca.

Tipi di parole chiavi e determinazione del giusto “Abbinamento delle parole chiavi”

Ci sono quattro tipi di abbinamento di parole che determinano come vuoi che vengano visualizzati i tuoi annunci.

Corrispondenza generica: E’ l’impostazione di default su AdWords. Secondo Google, “permette che le pubblicità vengano visualizzate per ricerche su frasi simili e variazioni rilevanti, includendo sinonimi, forme singolari e plurali, possibili errori di ortografia, derivanti”. 

La corrispondenza generica permette di raggiungere la più ampia parte della tua clientela. Tuttavia, dato che la corrispondenza generica mostra anche i tuoi annunci per sinonimi e una parte delle tue parole chiavi, la tua pubblicità potrebbero essere mostrata in molti risultati di ricerca irrilevanti.

Per esempio, potresti star targettizzando per “ristoranti raffinati Milano” usando la corrispondenza generica e la tua pubblicità potrebbe essere visualizzata anche per “pizza a Milano”.

Modificatore della corrispondenza generica: Il modificatore della corrispondenza generica ti da più controllo. Aggiungendo semplicemente un “+” prima di un termine, potrai bloccarlo in quella posizione. Il tuo annuncio apparirà tra i risultati solo quando un termine ricercato contiene le frasi o le parole dopo il “+”. 

Per esempio, se investi su “+ ristoranti raffinati Milano” il tuo risultato non verrà mai visualizzato per termini ricercati come “piazza a Milano”.

Corrispondenza di frase: La corrispondenza di frase permette ai possessori di un business di avere un maggiore controllo. Quando scegli una corrispondenza di frase, la tua pubblicità viene visualizzata solo nei risultati per termini cercati che sono nello stesso ordine delle tue parole chiavi scelte. 

Questo significa che se scegli “ristoranti raffinati Milano” il tuo annuncio non verrà mostrato su “Milano ristoranti raffinati”. Al fine di specificare la corrispondenza di frase, metti le tue parole chiavi tra virgolette. 

Corrispondenza esatta: Come suggerisce il nome, questa opzione assicura che il tuo annuncio venga visualizzato solo nei risultati della la ricerca dei termini che sono nello stesso ordine delle tue parole chiavi scelte.

Se hai scelto corrispondenza esatta e la tua parola chiave è “ristoranti raffinati Milano”. il tuo annuncio quindi non apparirà nemmeno nei termini cercati come “migliori ristoranti raffinati a Milano”.

Per specificare l’esatta corrispondenza, metti delle parentesi attorno alle tue parole chiavi scelte. (Per esempio: [ristorante raffinato Manchester]). Consiglio: Utilizzare la corrispondenza esatta può essere un modo sicuro per iniziare la tua prima campagna.

Parole chiavi negative: Le parole chiave negative sono termini che assicurano che i tuoi annunci non vengano mostrati a pubblici irrilevanti. Questa caratteristica di AdWords risulta utile se hai un prodotto/servizio che potrebbe condividere parole chiavi con qualcosa che non è rilevante.

 

Fase 6: Imposta la tua offerta

Come menzionato precedentemente, AdWords usa un modello di offerta. Un’offerta è la quantità di denaro che sei disposto a pagare per ogni persona che clicca sul tuo annuncio. Se tu e il tuo concorrente state offrendo per la stessa parola chiave, e sei disposto a pagare di più per un clic, il tuo annuncio verrà mostrato prima del suo.

Puoi scegliere tra due opzioni. La prima fa sì che sia Google a impostare la quantità di offerta per massimizzare i rendimenti del tuo budget. Se invece vuoi impostare la tua offerta manualmente, ti suggeriamo di fare alcune ricerche utilizzando Google’s Keyword Planner

Se sei agli inizi potresti voler partire con delle offerte automatiche fino a quando non avrai acquisito familiarità con il sistema AdWords. Tuttavia, impostare le offerte manualmente può essere generalmente più economico. Sebbene qualche volta questo richieda anche una manutenzione continua. 

Fase 7: Scrivi il tuo Ad

Scrivere il tuo Ad è la parte più critica di questo processo. Ti suggeriamo di pensarci seriamente e renderlo davvero convincente. Il tuo messaggio dovrebbe comunicare chiaramente la tua offerta al fine di convincere l’utente a cliccare sul tuo annuncio e visitare il tuo sito. Di seguito alcuni consigli per iniziare:

Copywriting Miglior Pratica

  • Brevità: Non c’è molto spazio per il testo. Quindi, mantieni il tuo messaggio chiaro e conciso.
  • Il titolo è cruciale: Il titolo del tuo annuncio è la prima parte che un utente vedrà. Assicurati sia accattivante e lo convinca a cliccare sulla tua pubblicità.
  • Chiaro invito all’azione: Un chiaro invito all’azione dice all’utente cosa vuoi che loro facciano.

Anatomia di un annuncio:

  • Titolo: AdWords permette di includere nell’annuncio fino a due titoli, ognuno contenente 30 caratteri. Assicurati di usare questo spazio limitato saggiamente. Inoltre, è consigliato includere almeno una delle tue parole chiavi scelte nel tuo titolo. 
  • Descrizione: Lo spazio di descrizione è di 80 caratteri. Utilizzala per comunicare il tuo messaggio chiaramente all’utente. Se possibile, includi qualsiasi offerta o sconto in questa sezione per assicurarti che l’utente clicchi sul tuo annuncio. Inoltre, fai un triplo controllo per errori grammaticali e di spelling.

Step 8: Crea il tuo annuncio

Una volta terminato di scrivere l’annuncio, clicca sul bottone  “salva” e continua fino all’ultima fase del processo. In questa sezione, Google ti chiederà della tua azienda e delle informazioni di pagamento. Verrai addebitato quando avrai esaurito il budget impostato, o 30 giorni dopo, se precedente. 

Gestire molteplici Ads

Come precedentemente menzionato, è raccomandabile gestire molteplici Ads focalizzandosi su diversi obiettivi. Questo può essere facilmente fatto gestendo molteplici campagne alla volta, trovando in seguito quale è la migliore per la tua azienda. 

Ogni campagna consiste in diversi gruppi di annuncio. Ogni gruppo di annuncio consisterà di simili parole chiavi, e la pagina di destinazione avrà un tema simile. Per esempio, per un negozio di apparecchiatura elettronica, un gruppo di pubblicità potrebbe essere dedicato a televisioni mentre un altro ai frigoriferi.

Tuttavia, entrambi i gruppi della pubblicità possono essere inclusi nella stessa campagna. I gruppi delle Ads di una singola campagna condivideranno le stesse impostazioni di targetizzazione di budget, posizione, e dispositivo. Se stai cercando ti targetizzare molteplici posizioni o dispositivi, dovrai creare delle campagne separate.

Analisi della campagna

Come precedentemente menzionato, uno dei maggiori vantaggi di utilizzare AdWords è la possibilità di tracciamento. Grazie a questo sistema potrai determinare se l’annuncio che hai appena creato sta funzionando.

Per far questo, la prima fase sarà selezionare una fonte di conversione. Per le piccole aziende le due conversioni più comuni sono: 

  • Siti web: Quando un cliente clicca sul tuo annuncio, visita la tua pagina di destinazione e attua l’azione desiderata.
  • Telefoni:  Quando un utilizzatore di cellulare ti chiama al numero di telefono menzionato nel tuo annuncio o cliccando sul pulsante della chiamata sul tuo sito o sulla tua pagina di destinazione.  

La prima cosa che dovrai fare è impostare un obiettivo dell’Analisi Google sul tuo sito e poi seguire le istruzioni addizionali per impostare il tracciamento delle conversioni di Google AdWords (WordPress, Woocommerce, e Easy Digital Downloads).

Puoi anche tracciare le conversazioni al telefono sui tuoi annunci. Consiglio: Se la tua azienda si basa fortemente sulle telefonate, è anche consigliato iscriversi ad un software di segnalazione di chiamate di terze parti come CallRail. Questo ha una facile integrazione con WordPress e Google AdWords.

Punteggio di qualità di Google

Google traccia anche come stanno andando i tuoi annunci e utilizza queste informazioni per determinare dove i tuoi annunci verranno mostrati sulla pagina dei risultati di ricerca. Usando i seguenti fattori come referenza, Google assegna un Punteggio di qualità (QS) ad ognuna delle tue parole chiavi: 

  • Rilevanza pagina di destinazione: La rilevanza della parola chiave al contesto presentata sulla tua pagina di destinazione.
  • Tasso di click previsto: La somiglianza di un utente che clicca sul tuo annuncio dopo aver cercato la parola chiave.
  • Rilevanza della pubblicità: La rilevanza dell’ad alla parola chiave. 

Controlla il punteggio di qualità della tua parola chiave aggiungendo la colonna di ‘Punteggio di qualità’ sotto la scheda del tuo account AdWords.

La qualità del tuo punteggio non solo aiuta a determinare la posizione del tuo annuncio, ma influisce anche sulla procedura di offerta e di quello che paghi per click. Per determinare la posizione del tuo annuncio, Google moltiplicherà la quantità offerta con il tuo punteggio qualità. Per esempio, per una determinata parola chiave, se il tuo punteggio qualità è 0.7, e fai un’offerta di $1, il tuo annuncio verrà posizionato sotto il tuo concorrente, in quanto il suo punteggio di qualità è 0.4 e l’offerta $2. 

Un 7/10 punteggio di qualità è il numero raccomandato e sufficiente. Sopra 7 è buono ma non sempre raggiungibile e potrebbe non valere lo sforzo. Sotto 7 è un segno che qualcosa è sbagliato e dovrebbe essere sistemato.

 

Riassunto 

Google AdWords è uno strumento estremamente potente quando si ha la necessità di acquisire nuovi clienti per piccole aziende. Tuttavia, se non usato saggiamente, la piattaforma può costarti molto, senza poi ottenere un notevole ROI (Ritorno sugli investimenti).

A parte applicare i suggerimenti visti fino ad ora, la chiave del successo è testare continuamente i tuoi annunci e ottimizzarli per una migliore performance.

 

Condividi