via Prà Bordoni 59
+39 0445-1922130
info@netmarket-srl.it

Consigli per il personal branding su instagram

Created with Sketch.

Consigli per il personal branding su instagram

Dalla nascita di internet, sempre più contenuti e interessi stanno subendo una graduale digitalizzazione. Dopo qualche anno dalla diffusione del web sono cominciate a nascere le prime piattaforme sociali online, chiamate social network. Tra le più famose al giorno d’oggi troviamo sicuramente instagram.
L’app nasce il 10 Ottobre 2010, sviluppata da Kevin Systrom e Mike Krieger. La piattaforma è stata poi acquistata da Facebook due anni dopo. Il social era inizialmente disponibile solo su ios e su specifici dispositivi Apple, diventando poi prima disponibile su tutti i dispositivi della mela, e in un secondo momento diventò scaricabile anche su qualunque dispositivo android. Instagram infine ha portato il proprio supporto anche su dispositivi Windows. Successivamente al suo rilascio, l’app ha riscontrato in breve tempo uno spropositato valore e successo, diventando al giorno d’oggi uno dei social network più utilizzati.
L’app permette principalmente la pubblicazione di contenuti digitali, costituiti da immagini e clip video. Tali contenuti possono essere pubblicati online o tramite un post che sarà sempre visibile sul proprio profilo, oppure tramite una funzione chiamata “storia”. Questa funzione permette di caricare contenuti visibili a tutti nell’arco delle 24 ore, successivamente la foto o video sarà visibile soltanto al proprietario all’interno dell’archivio. Un profilo può essere pubblico o privato, in caso di quest’ultimo la visualizzazione di contenuti su quel profilo sarà possibile solo tramite richiesta di follow al possessore. Un post pubblicato può essere commentato, inoltrato in chat privata o ricevere un mi piace. La foto o video caricata può essere modificata tramite cambiamenti di dimensioni e formati del contenuto oppure gli si può applicare un filtro. Tale filtro potrà aggiungere al post colori ed effetti diversi. I video caricati non avranno una durata superiore ai 59 secondi. Se si desidera mostrare ad amici una clip più lunga, si potrà postare nella sezione IGTV (instagram tv).
Chiaramente un’app famosa e utilizzata come instagram può permettere anche dei guadagni non indifferenti ad utenti interessati al personal branding. Ciò si manifesta tramite una figura lavorativa che proprio grazie ai social è diventata sempre più diffusa, l’influencer. L’utente che vuole intraprendere questa strada e commercializzare determinati prodotti o servizi, dovrà prima di tutto costruire un’immagine di sé.

Farsi notare

Il primo passo sarà dunque macinare follower, tramite magari aiuti di amici o conoscenze o pubblicando contenuti di qualità e intrattenenti. Ciò presuppone la pubblicazione di multimedia ben organizzati, una foto ad alta qualità, un bel paesaggio, un video divertente, la cura dei dettagli e dei filtri. Sì perché un profilo instagram ben curato è fondamentale nel personal branding, magari tramite l’aiuto di social manager. Risulta fondamentale porsi degli obiettivi da raggiungere a medio e lungo termine.

La community

La seconda fase del personal branding passa per un punto fondamentale, la creazione di una community. Bisogna creare un ambiente di coinvolgimento, dove i follower si sentano attratti e abbiano un perché sul seguire proprio quel personaggio. Durante la pubblicazione di contenuti, è importante associarvi numerosi hashtag e riferimenti ai propri siti e blog commerciali. Una community ben strutturata andrà fondata anche mostrando a potenziali follower che l’utente è sempre aggiornato sugli argomenti in voga del momento, che comprenderà ad esempio movimenti sociali o anche meme. Un errore banale sta nell’acquisto di follower. Tale procedimento non solo causerà una fan base poco attiva, ma anche una rimozione tempestiva degli account fake da parte di instagram. Un altro aspetto importante nella formazione di una community è la chiarezza della propria immagine, mostrandosi sempre coerente e disponibile con i propri seguaci.

La comunicazione

La chiarezza va esposta sia nelle storie che nei post, aggiungendo sotto allo scatto ben curato una didascalia semplice, concisa ed efficace. Non dovranno ovviamente mancare i classici hashtag. Un metodo per coinvolgere l’utenza può essere il lato emozionale, tramite ad esempio il ricordo di una persona cara, una dichiarazione d’amore o semplicemente l’esplicitazione di propri pensieri. Questo ultimo aspetto può essere molto efficace. Un follower, in quanto fan, vorrà cercare di somigliare il più possibile al proprio idolo. La pubblicazione di paure personali, pensieri o debolezze possono sicuramente coinvolgere molte persone, sentendosi molto vicine all’influencer dal punto di vista sentimentale.

Pubblicizzazione

Una volta creato un profilo adeguato, un’immagine che piace alla gente e una larga comunità di follower, sarà giunto il momento della pubblicizzazione dei propri brand. Questo potrà avvenire tramite hashtag, video o foto, che siano pubblicati tramite post, IGTV o storia. In quest’ultima una metodica molto utilizzata per la sponsorizzazione di propri contenuti è quella dello “swipe up”. Tale format permette tramite pochi semplici clic l’accesso a un sito esterno alla piattaforma social.

Condividi