via Prà Bordoni 59
+39 0445-1922130
info@netmarket-srl.it

Cosa si intende per approccio data driven

Created with Sketch.

Cosa si intende per approccio data driven

approccio-data-driven

Cos’è il data driven e quanto puo’ influenzare il proprio marketing

Volendo predisporre una buona strategia di marketing, sia nel caso di grandi aziende che di piccole realtà locali, non è più sufficiente far affidamento solo ed esclusivamente sul buon vecchio istinto perché quest’ultimo si rivela essere troppo incerto e rischioso essendo legato solo a dati soggettivi di chi predispone la suddetta strategia di marketing. Per consentire alla propria attività di ottenere importanti successi e guadagni proficui, è importante affidarsi a quei dati oggettivi che è possibile reperire analizzando le varie realtà di mercato, perché l’intuito è una parte fondamentale all’interno di un business, ma se non viene abbinato a dato oggettivi può essere causa di importanti fallimenti.
Il Data Driven si basa proprio su questi dati oggettivi che esprimono le preferenze degli utenti in merito a particolari acquisti: tali dati vengono raccolti tramite strumenti specifici e, successivamente, analizzati e organizzati in modo che possano fornire i dati utili per prendere decisioni e le informazioni adatte ad ottenere i migliori risultati di vendita per l’azienda.
In sostanza, il Data Driven basa la sua conoscenza sulle azioni reali delle persone, su cosa fanno, come si muovono e quali sono le loro preferenze di acquisto: ciò permette di impostare il proprio business e ecommerce in base a dati certi e non a ipotesi soggettive.

Quali sono le fonti di dati piu’ utili per fare una corretta analisi

Quando si desidera fare una corretta analisi del mercato per ampliare il proprio marketing e aumentare le vendite sul proprio ecommerce, è opportuno fare un’attenta selezione delle fonti più adatte alle proprie esigenze per raggiungere e soddisfare la fascia di mercato a cui mira la produzione aziendale.
Indubbiamente, al giorno d’oggi gran parte dei contenuti utilizzabili vengono offerti da fonti digitali, come SITI WEB, APPLICAZIONI MOBILI e SOCIAL MEDIA (in modo da generare dei profili utente a cui indirizzare contenuti mirati che migliorano, così, anche i risultati delle proprie campagne pubblicitarie), ma le fonti possono anche arrivare direttamente dal mondo offline.
Potrebbe essere un valido esempio in tal senso un comune RIVENDITORE FISICO che, con la sua esperienza diretta all’interno del punto vendita o tramite contatti via mail con i clienti, con un’analisi precisa del magazzino e del numero degli scontrini emessi, è in grado di fornire dati utili e attendibili riguardo le preferenze più recenti di un’ampia fetta di clientela.
La stessa immediatezza potrebbe arrivare dai risultati forniti dai sempre più frequenti call center che rivestono il ruolo di customer care service.
L’obbiettivo principale, se non unico, di queste analisi è quello di prevedere quanto più possibile i comportamenti di acquisto dei clienti in modo da personalizzare le proprie proposte in base alle loro preferenze e, conseguentemente, aumentare le vendite.

Vantaggi e svantaggi di una strategia di marketing basata sul data driven

Dal punto di vista dei vantaggi, un’attività di marketing impostata attraverso una strategia basata sul Data Driven, innanzitutto, permette di segmentare il pubblico in maniera più precisa rispetto ad altre tecniche utilizzate in passato. Inoltre, si potrebbe dire che i dati vengono raccolti praticamente in tempo reale, cosa che permette di intercettare subito quelle che sono le preferenze di un determinato segmento di clienti in merito ad un prodotto specifico.
Una strategia di business basata sul Data Driven riduce anche il rischio di impresa in quanto il cammino da percorrere è segnato in base a dati oggettivi e non attraverso le sole opinioni di qualcuno.
D’altro canto, non è sempre facile reperire le informazioni oggettive di cui si ha bisogno per far crescere il proprio marketing, oppure, avendone molte, non si è abbastanza organizzati per fare un ulteriore buon lavoro di scrematura e di pianificazione del lavoro.

Come sfruttare al massimo il data driven per realizzare campagne mirate e personalizzate

Per sfruttarne appieno tutte le potenzialità, è importante che i dati raccolti vengano analizzati e scremati sia da software progettati a tale scopo, ma anche e soprattutto dall’esperienza umana che è la sola in grado di dare la giusta priorità a determinati segmenti di indagine, di vedere la giusta attinenza tra un dato e l’altro e di definire importanti obbiettivi di business partendo da quelli che sono più a portata di mano e, quindi, più facili da raggiungere.
Per ottenere ottimi risultati, quindi, è fondamentale unire i dati raccolti alla tecnologia e alle strategie analitiche, ma soprattutto alle persone e alla qualità del loro metro di giudizio e del loro intuito.
Un ulteriore aspetto fondamentale all’interno di una campagna basata sul Data Driven è quello collegato al diritto alla privacy: in un mondo continuamente minacciato da pirati informatici, è importante poter garantire ai clienti il massimo della sicurezza nel momento in cui affidano i propri dati all’azienda.

Condividi