via Prà Bordoni 59
+39 0445-1922130
info@netmarket-srl.it

L’Importanza delle lookalike e pubblici personalizzati su facebook

Created with Sketch.

L’Importanza delle lookalike e pubblici personalizzati su facebook

importanza-delle-lookalike-e-pubblici-personalizzati-su-facebook

Quando si fa ecommerce e social media marketing, le Facebook Ads sono di fondamentale importanza. Il popolare social network mette a disposizione diversi strumenti per indirizzare gli annunci sulle bacheche di utenti sempre più mirati attraverso due strumenti: la lookalike audience (o pubblico simile) e i pubblici personalizzati. In questa guida andiamo a vedere quali sono le potenzialità e le differenze.

Facebook lookalike audience: cos’è e come funziona


La lookalike audience è un gruppo di utenti registrati e attivi su Facebook più o meno che non è mai entrato mai in contatto con te o il tuo brand sul social, ma che tuttavia presenta delle caratteristiche simili a chi già hai incontrato lungo il tuo cammino. Lo scopo principale della creazione di un pubblico simile è quello quindi di indirizzare elle Facebook Ads verso un pubblico più vasto di quello che già possiedi, per fare in modo che quindi una percentuale più alta di utenti venga in contatto con la tua pagina.

Come creare un pubblico lookalike


Il pubblico simile si imposta grazie a una specifica funzione del social. Dalla finestra di gestione dell’account che sponsorizzerai tramite le Facebook Ads aprì il menù Strumenti => Pubblico => Crea Pubblico => Pubblico simile. Avrai accesso a una schermata da cui avrai accesso a varie funzioni per creare il pubblico simile.
La prima casella da spuntare è l’origine della lookalike audience, cioè a cosa deve assomigliare il nuovo pubblico. Qui puoi indicare come sorgente una pagina Facebook, la tua azienda , un pubblico personalizzato basato sul valore, un catalogo di prodotti oppure il pixel di monitoraggio (un’estensione dell’algoritmo del social).
La seconda funzione invece indica il luogo del pubblico, cioè l’aria geografica entro cui si deve concentrare la lookalike audience. Qui si deve indicare un luogo specifico (con il nome, una provincia oppure il CAP) o anche un intero Paese. E’ importante tenere a mente che più ampia sarà l’area geografica, maggiore sarà la dispersione del messaggio.
Infine si sceglie la dimensione del pubblico. Questa va dall’1% al 10% della popolazione selezionata (ossia il numero di account attivi nell’aria e con le caratteristiche desiderate). Più ci si allontana dall’1% più gli account di riferimento saranno lontani dalle specifiche indicate, quindi saranno selezionati account che hanno solo poche affinità con l’origine. In questo caso, la percentuale va considerata innanzitutto sulla base del budget (percentuali alte richiedono investimenti maggiori) e sulla base dell’origine, che più sarà ristretta più le caratteristiche saranno restrittive, quindi i pubblici maggiormente compatibili saranno ridotti.

Pubblici personalizzati

un altro degli strumenti più utili in materia di Facebook Ads sono i pubblici personalizzati, una forma differente di target di ecommerce. A differenza dei pubblici lookalike, i pubblici personalizzati sono una categoria un po’ più ristretta. gli utenti che fanno parte di un pubblico personalizzati sono coloro che sono già a conoscenza del brand, o della pagina e che hanno potuto già in passato interagire con eso. Ad esempio, si tratta di vecchi clienti che hanno già acquistato, persone che in precedenza si sono iscritte alla newsletter e così via.
Il pubblico personalizzato è in fin dei conti più efficiente del pubblico simile perché permette di raggiungere degli utenti effettivamente mirati con i messaggi pubblicitari, ma allo stesso permette di escluderli da comunicazioni che non li interessano in nessun modo (ad esempio tutte le comunicazioni che invitano ad iscriversi alla newsletter, inutile se già vi sono iscritti:
gli utenti di un pubblico personalizzato possono essere divisi per varie categorie: per esempio chi visita solo il sito, chi acquista abitualmente o in base alle azioni che hanno eseguito sul sito. Avendo a disposizione queste informazioni per ognuno di questi gruppi possono essere eseguite delle azioni precise in modo da aumentare al massimo il tasso di conversione degli utenti (cioè da semplici visitatori a utenti iscritti oppure ad acquirenti veri e propri del prodotto).

Come si crea un pubblico personalizzato


Prima di tutto ci sarà bisogno di installare Pixel di Facebook sul proprio PC, un algoritmo che scansiona e inserisce gli utenti attivi sul sito in un pubblico personalizzato.
Dalla pagina Facebook del brand, bisogna aprire il menù Strumenti => Pubblico => Crea Pubblico => Pubblico personalizzato. Di qui ci sono varie opzioni per creare il pubblico personalizzato.
Ad esempio si può usare l’opzione ‘Traffico sul sito Web’ utilizzando l’algoritmo Pixel. Saranno quindi matchate le persone che hanno visitato la pagina sul social oppure dei siti web specifici (sarà necessario inserire le URL corrispondenti) e dividerle sulla base delle azioni e di un limitato tempo che arriva a un massimo di 180 giorni.
Oppure si può creare manualmente il proprio pubblico personalizzato utilizzando l’opzione ‘File Clienti’. Da qui si potrà caricare un file in formato Excel con i contatti di una mailing list che si è acquisiti in precedenza in modo da inviare messaggi solo alle persone di riferimento. Mentre la prima è utile per aumentare il tasso di conversione da visitatori a clienti, la seconda opzione analizzata permette di creare un pubblico iù fedele e incentivare ad azioni più concrete, come l’acquisto di un prodotto o di un abbonamento.

Condividi