via Prà Bordoni 59
+39 0445-1922130
info@netmarket-srl.it

Neuromarketing applicato al web

Created with Sketch.

Neuromarketing applicato al web

neuromarketing-web

Negli ultimi anni si sente parlare in maniera particolare di neuromarketing, questa parola non è ancora conosciuta è venuta da parte di molte persona. Seppur presente da oltre 15 anni, indica una disciplina che attua le pratiche e le conoscenze a livello neuro scientifico del marketing.

Attraverso questa terminologia si fa riferimento all’insieme di numerose aree scientifiche, che hanno la capacità di vedere cosa accade all’interno del cervello durante la fase di acquisto o di approccio che si avverte con un particolare articolo, pubblicità, parola, brand e tanto altro.
A livello neurologico, comprende quindi l’unione di varie parti, come quella della psicologica e neurologica, che si fondono in un’unica materia.

Tanti sono gli imprenditori che hanno come scopo quello di studiare in maniera particolare il cliente in tutte le sue sfaccettature, per questo il neuromarketing applicato al web, rappresenta un punto importante che la maggior parte di chi possiede un ecommerce avverte il bisogno di attuare.

Qual è l’obiettivo principale del neuromarketing?

Lo scopo principale della disciplina del neuromarketing è quella di ottimizzare le strategie di web marketing. L’obiettivo quindi consiste nell’indurre più persone possibili a comprare i prodotti disponibili nell’ ecommerce. Attraverso questa disciplina, i più grandi Brand, hanno aumentato negli ultimi anni le loro vendite, in quanto il livello è l’effetto della pubblicità riuscito a influenzare la gente sui prodotti venduti.
Si tratta di una vera e propria mossa strategica in cui si può sedurre i clienti in maniera particolare. Il cliente non è più considerato un numero, ma rappresenta un mezzo con il quale ci si può ricavare un grande profitto, tutto quello che il neuromarketing è capace di considerare, riguarda le aspettative e le esigenze concrete dei futuri acquirenti.

Negli ultimi anni gli esperti di marketing si sono imbattuti sempre di più sullo studio del cervello umano, dato che per mezzo di esso gli imprenditori hanno la possibilità di influenzare, sedurre e indurre una persona ad acquistare un prodotto specifico.
Secondo i più noti studiosi, il cervello è progettato in un certo modo, ad esempio quando ci si ritrova di fronte ad una decisione, quest’ultimo analizza nel minimo dettaglio tutte le possibilità e le opzioni immaginabili.

Le mosse che si effettuano e le decisioni che vengono prese in maniera automatica dal cervello, non derivano dall’emozione, salvo nel caso in cui si è dinanzi al settore della matematica, che riguarda un mondo costituito puramente ed esclusivamente dalla teoria.

Quali sono i mezzi di cui si avvale il neuromarketing per analizzare il cervello?

Attraverso delle tecniche scientifiche come la risonanza elettromagnetica funzionale e l’elettroencefalografia, vi è la possibilità di rilevare alcune parti celebrali che rendono possibile scoprire numerose reazioni dal punto di vista cognitivo emozionale di un soggetto.
Il neuromarketing è una disciplina particolare che ha come obiettivo quello è di esaminare il subconscio che nella maggior parte dei casi prende il sopravvento sul comportamento razionale e conscio.

Tecniche ed etica del neuromarketing per un sito web

Gli imprenditori sono sempre più interessati ad attuare le tecniche e la disciplina del neuromarketing per il proprio sito web. Attraverso l’etica di questa materia si ha la possibilità di indurre il consumatore ad acquistare in maniera naturale i prodotti in vendita dell’ecommerce.
La pubblicità risulta essere un metodo infallibile che induce l’utente all’acquisto di un servizio o di un bene specifico. Questi studi secondo gli esperti, non hanno come obiettivo quello di vendere più articoli, ma è quello di rendere la comunicazione più qualitativa è migliore e di conseguenza più efficace.
Attirare chi gente possibile per visitare il proprio sito web, oggi non è più un opinione ma È pura realtà. Ad esempio nella serp gli annunci AdWords dotati di estensione hanno la capacità di catturare l’attenzione del 21% in più rispetto al normale, Inoltre, vengono effettuati più Click in maniera consecutiva.
Dietro tutto questo vi è una vera e propria analisi del cervello degli utenti, In quanto per mezzo del neuromarketing, gli imprenditori hanno come obiettivo quello di catturare ed invogliare l’utente a visitare ed acquistare i propri prodotti.

Come applicare le tecniche di neuromarketing sul web?

Per applicare le tecniche più importanti del neuromarketing sul web è necessario utilizzare alcuni percorsi, come ad esempio Z Pattern, si tratta di un metodo occidentale che riguarda la lettura, generalmente quest’ultima avviene Da sinistra verso destra.
Un altro metodo infallibile riguarda l’utilizzo delle frecce, si tratta di strumenti visivi che portano l’attenzione del lettore dove si vuole farla raggiungere.
L’attrazione rappresenta un altro dei punti chiave che viene utilizzata da parte di chi possiede un sito web, tutto quello che bisogna fare in questo caso è inserire nelle ecommerce qualcosa che piace alla gente in maniera particolare.
L’emozione ha la capacità di far commuovere e catturare l’attenzione del proprio target di clienti.
Tra le altre tecniche spicca l’analisi, attraverso di essa si ha la capacità di ottenere e suscitare l’emozione durante il ragionamento razionale di una persona. L’utente in questo caso ha come obiettivo quello di conoscere nel dettaglio il prodotto o il bene da acquistare. Per fare ciò vengono messe a disposizione tutte le informazioni, tra cui sono messe in evidenza i benefici e i vantaggi dell’articolo per mezzo di una tabella presente in una demo gratuita.
Infine tra le strategia più utilizzate dalla disciplina del neuromarketing per il proprio sito web vi è quella dell’azione, in quanto è richiesta la presenza delle call-to-action, che servono per attirare l’utente a visitare l’e-commerce e ad indirizzarlo verso l’acquisto in base alle proprie esigenze e preferenze.

Condividi